Semilibertà, giusta o no? I casi Maso e Minghella

I casi Pietro Maso e Maurizio Minghella su Radio Cusano e tutti i dubbi sull’opportunità di concedere la libertà o la semilibertà a soggetti pericolosi

Giovedì10 marzo dalle 13:00 alle 15:00 in onda su Radio Cusano Campus, la Radio dell’Università degli Studi “Niccolò Cusano”, puntata in collaborazione con il Master CSI (Crime Scene Investigation) dell’Unicusano dal titolo “PIETRO MASO, MAURIZIO MINGHELLA E IL DIBATTITO SULLA SEMILIBERTÀ”. protagonista di vicende ancora oscure, la storia di Pietro Maso torna d’attualità, su Radio Cusano.

Presentati dal conduttore Fabio Camillacci e alternati dalle preziose schede di Daniel Moretti, parteciperanno nel corso della puntata la Dott.ssa Mary Petrillo, criminologa e docente di materie di Criminologia, e Pasquale Ragone, direttore della rivista Cronaca&Dossier.

 

Pietro Maso
Pietro Maso

Il 17 aprile 1991 Pietro Maso uccise entrambi i suoi genitori, Antonio Maso e Mariarosa Tessarinella, nella loro casa di Montecchia di Crosara per ragioni legate all’eredità. Due giorni dopo il duplice delitto venne arrestato e confessò il massacro compiuto. Da quel momento sono passati 25 anni e Pietro Maso, dopo avere scontato la pena in regime di semilibertà, nel 2015 è diventato un uomo libero. Eppure, anche per lui il passato ritorna. Il 21 gennaio scorso la Procura di Verona ha scritto il suo nome nel registro degli indagati con l’accusa di tentata estorsione nei confronti delle sorelle, non senza che quest’ultime siano state più volte minacciate dalla libertà del fratello. Solo pochi giorni fa Pietro Maso è stato ricoverato per turbe mentali e abuso di cocaina. La sua libertà ha però aperto il dibattito sulla opportunità di concedere la libertà a chi ha commesso delitto tanto efferati.

 

 

Maurizio Minghella
Maurizio Minghella

Diversa è la storia di Maurizio Minghella, genovese classe ’58, finisce in carcere per la prima volta già a vent’anni. Confessa di aver ucciso due prostitute anche se gli investigatori riescono a collegare il suo nome ad altri due omicidi: tutte le vittime sono state strangolate. Si fa quasi vent’anni di carcere fino a quando, nel 1995, ottiene la semilibertà: un grandissimo errore, visto il profilo psicologico di Minghella, già autore di quattro delitti. E infatti, il serial killer che è in lui torna ad alzare la voce. Nelle sue ore libere riprende ad uccidere: altri tre omicidi, sempre prostitute, tra il 1997 e il 2001, per i quali viene incastrato nel 2003 e condannato all’ergastolo. Ora, grazie alla prova del DNA, spunta una quarta vittima, uccisa nel periodo di semilibertà.

 

 

 

 

 

 

caso fenaroli cronaca&dossierÈ possibile ascoltare la puntata radiofonica ON AIR a Roma e Provincia sugli 89.1 FM e in tutto il mondo attraverso lo streaming sul sitohttp://www.radiocusanocampus.it.

Da luglio 2015 Radio Cusano Campus e Cronaca&Dossierlavorano in sinergia per approfondire alcuni dei casi e dei fenomeni più importanti della recente storia della cronaca nera italiana.

Per l’occasione criminologi, giornalisti, storici, sociologi e i protagonisti di vicende ancora tutte da chiarire si alternano fra gli ospiti de “La Storia Oscura”. Fino ad oggi la collaborazione tra “La Storia Oscura” di Radio Cusano Campus e Cronaca&Dossier ha portato alla realizzazione di decine di puntate dedicate sia ai casi più celebri della recente cronaca nera, sia a fenomeni del nostro tempo come quello della crescente violenza sulle donne e del terrorismo ad opera dell’Isis.

Di fatto, l’importante collaborazione ha portato lo spazio radiofonico ad essere oggi un punto di riferimento per molti siti ed agenzie grazie alla qualità degli ospiti e delle novità che emergono nel corso delle puntate, ripresi in più occasioni come nel caso delle puntate dedicate alla strage di Erba, alla vicenda Panarello e all’introspezione sui militanti dell’Isis.

Leggi qui tutti gli approfondimenti, lungo cammino fra i misteri d’Italia.

Semilibertà, giusta o no? I casi Maso e Minghella ultima modifica: 2016-03-10T12:56:03+01:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!