Il boia di Albenga e la strana morte di Carla Gruber

Luciano Luberti passato alla storia come il boia di Albenga e il caso Carla Gruber sua giovane amante a “La Storia Oscura”: cosa nasconde la sua morte?






Radio Cusano Campus caso luigi chiattiGiovedì3 marzo dalle 13:00 alle 15:00 in onda su Radio Cusano Campus, la Radio dell’Università degli Studi “Niccolò Cusano”, puntata in collaborazione con il Master CSI (Crime Scene Investigation) dell’Unicusano dal titolo “IL BOIA DI ALBENGA E L’OMICIDIO DI CARLA GRUBER”. protagonista di vicende ancora oscure, la figura di Luciano Luberti torna ad essere discussa, su Radio Cusano.

Presentati dal conduttore Fabio Camillacci e alternati dalle preziose schede di Daniel Moretti, parteciperanno nel corso della puntata la Dott.ssa Mary Petrillo, criminologa e docente di materie di Criminologia, il prof. Gianfranco Marullo, docente di Criminologia e Intelligence presso l’Università “La Sapienza” di Roma.

 

LucianoLuberti
Luciano Luberti, il boia di Albenga

Passato alla storia come il boia di Albenga, Luciano Luberti (1921-2002) ha un passato controverso che lo porta tra le fila delle Brigate Nere a collaborare con la temuta Wehrmacht. Nel 1945 entrambi i Corpi militari si rendono responsabili di violenze atroci ad Albenga seviziando e fucilando un centinaio di persone, seppellite alla foce del Centa. Per quei crimini orrendi, comprese torture inflitte a civili, il boia di Albenga venne condannato all’ergastolo ma scontò solo sette anni, grazie all’amnistia. Il boia di Albenga torna nuovamente sulla scena nel 1970 quando un fatto di cronaca richiama l’attenzione di tutti i quotidiani nazionali. Carla Gruber, sua compagna che per lui si era lasciata un matrimonio alle spalle, viene ritrovata cadavere il 3 aprile 1970. Le indagini successive appureranno la colpevolezza di Luciano Luberti, ma esistono molti retroscena rispetto a quella morte, ancora oggi dibattuta se catalogarla come suicidio, come sempre sostenuto dal boia di Albenga, oppure come delitto. Si sa solo che il cadavere iniziò lentamente a decomporsi nel letto: Carla era morta infatti già il 18 gennaio. Cosa accade davvero dentro casa Luberti?

 

 

 

 



caso fenaroli cronaca&dossierÈ possibile ascoltare la puntata radiofonica ON AIR a Roma e Provincia sugli 89.1 FM e in tutto il mondo attraverso lo streaming sul sito http://www.radiocusanocampus.it.

Da luglio 2015 Radio Cusano Campus e Cronaca&Dossier lavorano in sinergia per approfondire alcuni dei casi e dei fenomeni più importanti della recente storia della cronaca nera italiana.

Per l’occasione criminologi, giornalisti, storici, sociologi e i protagonisti di vicende ancora tutte da chiarire si alternano fra gli ospiti de “La Storia Oscura”. Fino ad oggi la collaborazione tra “La Storia Oscura” di Radio Cusano Campus e Cronaca&Dossier ha portato alla realizzazione di decine di puntate dedicate sia ai casi più celebri della recente cronaca nera, sia a fenomeni del nostro tempo come quello della crescente violenza sulle donne e del terrorismo ad opera dell’Isis.

Di fatto, l’importante collaborazione ha portato lo spazio radiofonico ad essere oggi un punto di riferimento per molti siti ed agenzie grazie alla qualità degli ospiti e delle novità che emergono nel corso delle puntate, ripresi in più occasioni come nel caso delle puntate dedicate alla strage di Erba, alla vicenda Panarello e all’introspezione sui militanti dell’Isis.

Leggi qui tutti gli approfondimenti, lungo cammino fra i misteri d’Italia.

 




 

Il boia di Albenga e la strana morte di Carla Gruber ultima modifica: 2016-03-03T10:40:46+01:00 da info@cronacaedossier.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La realtà fa notizia, aiutaci a condividerla. Seguici con un Mi Piace!